Eccoci arrivati all’ultimo giorno dell’anno

Quando arriva il 31 Dicembre mi sento sempre un po’ diversa forse perché siamo all’ultimo giorno dell’anno. Stasera, come ogni anno, mangeremo tutti insieme in famiglia; ognuno di noi preparerà qualcosa, mia nonna, per esempio in queste ore è ai fornelli alle prese con il cotechino e le lenticchie che, per tradizione, si dice che siano di buon auspicio e segno di abbondanza .

Questo è stato un anno piuttosto strano ma ricco di emozioni: mi sono ritrovata davanti ad eventi che sognavo, ed averli realizzati vi assicuro che è davvero un’altra musica; non so descrivere quanta felicità ed emozione io abbia provato nel veder concretizzare alcuni dei miei desideri, avevo due occhi sorridenti, felici e questa per me è cosa rara.

Nel corso di quest’anno ho conosciuto tantissime persone con molte delle quali sono anche diventata amica; devo ringraziare – si fa per dire- anche coloro che mi hanno dato delusioni perché mi hanno aiutata a fortificare il carattere .

 Stasera prima dello scoccare della fatidica mezzanotte ci sarà il conto alla rovescia e, in quei “9,8,7,6,5,4,3,2,1” ripercorrerò tutti i momenti dell’anno passato: le risate, le serate con gli amici, i pianti isterici, i baci, l’ansia degli esami, le sfilate e le emozioni forti che ho vissuto . Provo un po’ di malinconia ma, nello stesso tempo , sono pronta ad accogliere le nuove emozioni, spero sempre più belle e più grandi , che l’anno che verrà (per ricordare il titolo di una famosa canzone) mi vorrà regalare.  Ringrazio la mia famiglia che mi aiuta e mi protegge sempre, ma soprattutto mi vuole bene. Mi sento fortunata ad averli, loro sono la cosa più bella che mi potesse capitare. Stasera non vedo l’ora di mangiare il cotechino di nonna Angela, scherzare e brindare con i miei cari anche se, ad onor del vero, i brindisi non sono proprio il mio forte!

Dopo la mezzanotte andrò a ballare con i miei amici. Dico grazie a questo 2018 che mi ha fatto capire cosa desidero davvero e che mi ha reso cosciente di una cosa: Le persone che voglio e di cui ho bisogno le ho al mio fianco.

Tonight before the stroke of the fateful midnight will be the reverse side and, in those “9, 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1” I will retrace all the moments of the past year: the laughter, the evenings with my friends, the cries, the kisses, the anxiety of the exams, the parades and the strong emotions that I experienced. I feel a bit ‘of melancholy, but at the same time, I’m ready to welcome the new emotions, I hope more and more beautiful and bigger, which will want to give.
I thank my family that helps me and always protects me, but better it loves me. I feel lucky to have them, it’s the best things that happen to me.
Tonight I can not wait to eat Grandma Angela’s cotechino, joke and toast with my loved ones even if, to tell the truth, I’m not really my forte!
After midnight I will go dancing with my friends.
I say thanks to this 2018 that made me understand what I prefer and that made me aware of one thing: the people I want and I need them by my side.

 

 

 


26 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *